Atrofia vaginale

woman holding her hands over her vagina

L’atrofia vaginale è una problematica collegata alla carenza di estrogeni, gli ormoni che promuovono la formazione dei caratteri sessuali secondari femminili e sono coinvolti nel ciclo mestruale, e si verifica soprattutto con il sopraggiungere della menopausa.

L’abbassamento del livello di estrogeni, e quindi i sintomi dell’atrofia vaginale, possono essere anche dovuti a problemi di tipo oncologico (es. interventi di rimozione del tumore al seno o cure antitumorali); si parla in questi casi di menopausa indotta.

I sintomi dell’atrofia vaginale sono la secchezza vaginale, il bruciore intimo, l’irritazione e il dolore durante il rapporto sessuale (dispareunia).

Come si cura l’atrofia vaginale?

Il Laser ginecologico cura i sintomi dell’atrofia vaginale grazie ad una tecnologia innovativa che può sostituire le tradizionali terapie farmacologiche a base di creme e ovuli.

Si tratta di una terapia laser non invasiva e indolore che cura il disturbo sfruttando gli effetti benefici e delicati della luce laser Erbium.